Post-it

E lasciatelo gridaaareee!


Il generale Pappalardo è contro l'uso del preservativo: «il preservativo è orrendo, è contronatura ed è anche contro l'Arma dei Carabinieri, pensate a quanti carabinieri non sono potuti nascere a causa di questa guaina diabolica!». Motivazioni nobili, non c'è che dire. Secondo Pappalardo il preservativo è figlio della dittatura delle multinazionali del lattice. E' anche contro le aspirine, parla di una dittatura dell'effervescenza, per non parlare delle supposte, un generale non si può sottomettere alla dittatura delle supposte, e come dargli torto? Ma veniamo a fatti più recenti. Come sapete Pappalardo ha una vera e propria insofferenza nei confronti delle mascherine, queste "mutande da viso" che vogliono coprire il suo bel volto di generale, come osa questo fantomatico comitato tecnico-scientifico mancare di rispetto ai lineamenti del suo volto? Certo, il Covid esiste ma non è per nulla una pandemia, è un virus di quartiere, quindi non c'è assolutamente bisogno di tutto questo chiasso, e che sarà mai? Ancora una volta mi è difficile dare torto a un generale, perché come tutti sanno per diventare generale bisogna avere studiato Medicina ed essere specializzati in Virologia. E lasciatelo gridare questo generale, lasciategli gridare la sua verità. Il generale Pappalardo ha un grande seguito tra i cittadini che non fanno differenze tra il caffè ristretto e la teoria della relatività, sono tutte persone colte, informate sui fatti e sui misfatti, gente perbene che vuole volti scoperti e corretti, gente del fare e del disfare, commercianti pronti a sfidare il Conte (Dracula) che vuole dissanguarli con norme e divieti assolutamente inutili.