Spazio Teatro



PERSONAGGI

Geometra Zanotti                              Guelfo 

                                       Nicole                                                   Fiorina                                          Palmina                                                Saverio 

    Gina                                                     Direttrice 

      Infermiera                                   Figlio di Guelfo 

      Nuora di Guelfo                         Figlio di Zanotti 

    Notaio                                            Figlia di Gina 

  Genero di Gina                           Nipote di Gina



ATTO PRIMO

E' domenica pomeriggio. La scena si apre nella sala-tv di una casa di riposo. Il geometra Zanotti e Guelfo stanno giocando a carte. Saverio sta dormendo sulla poltrona. Nicole si sta specchiando e si sta mettendo il rossetto. Fiorina sta lavorando all'uncinetto. Palmina sta guardando la tv.

Entra la Direttrice.

DIRETTRICE: (allegra) I miei ragazzi hanno mangiato bene? Com'è stato il pranzo domenicale?

ZANOTTI: Se putrìa fa' moccò mejo... però 'ccontentemoce.

SAVERIO: (balbuziente) Lu pranzu è statu bo-bonu, semo pu-pure applaudito la cuoca...

DIRETTRICE: Non andate a farvi un sonnellino?

SAVERIO: Do-dopo ce jemo... anche se io non do-dormo.

DIRETTRICE: E perché non dormi, Saverio?

SAVERIO: Perché io ri-rifletto.

GUELFO: (calando una carta) Scopa!

ZANOTTI: Un gorbu, pare che te le capi!

DIRETTRICE: (rivolgendosi a Nicole) Nicole, sei sempre bellissima, hai dei capelli stupendi.

NICOLE: Me dovéa vede' quando stavo a Roma... (sospira) li balli, le cene a lume de cannela... e che òmini!

(gli altri la guardano)

DIRETTRICE: Roma era la città per te, Nicole, per una donna della tua classe. (sospirando) Roma città eterna!

(Nicole continua a specchiarsi e a pettinarsi con civetteria)

DIRETTRICE: (mentre esce dalla stanza si rivolge a tutti) Viene qualche vostro parente oggi pomeriggio?

GUELFO: De sicuro fijumu.

DIRETTRICE: Bene, allora ci vediamo dopo.

(esce la Direttrice)

GUELFO: (rivolgendosi a Zanotti) Fijumu adè un annu che cerca de convinceme a rtorna' a casa. (imitando il figlio) «Venne ba', non stai mejo co' me che co''lli vecchi rimbambiti?

ZANOTTI: O Gue', io no lu conosco, però ciajo un vagu presentimentu... non è che fijutu adè mocco'strunzu?

GUELFO: (fa un gesto plateale di accondiscendenza) Che te pijesse lo bene, prima me spigni a veni' qua a lu ricoveru perché te 'ntralcio - so sentito co' le 'recchie mie che dicèa 'sta parola co' la moje - po', siccome la crisi ve se sta rmagnanno a tutti e li fiji non ve fatiga nisciu', me roppete li cojoni - me scusino le signore (rivolgendosi alle donne) - perché volete che rvengo a casa per ciucciavve la penzio' (accenna lievemente al gesto dell'ombrello).

PALMINA: Tu Gue' piji 'na bella penzionetta... non fatigavi su lu 'speda'?

GUELFO: Non me posso lamenta', Palmi'... me ce pago la retta e me ce rvanza pure che cosetta da spenne... Prima 'ntralciavo (carica questo termine in maniera plateale) e ha fatto del tutto per métteme qua a lu ricoveru... (pausa) Me ce venéa da piagne quando me l'ha ditto... tutta la vita a fatiga', a fa' le notti, a sputa' sangue... po' m'è morta Vincenzina e so' rmastu solu. (pausa) - (facendosi più triste) E' cascata per terra all'improvviso... un infartu. (toglie il fazzoletto dalla tasca e si asciuga gli occhi) - Vivi tutta la vita co' 'na donna, je vòi bene, ce fai li sacrifici insieme, ce costruisci tutta l'esistenza... po' all'improvviso la vedi a casca' per terra... cuscì. (mima una caduta con la mano) - E tutto finisce. Per essa... e per te.

FIORINA: Pòra Vincenzina, era tanto bòna...

GUELFO: Fijumu, prima m'ha messo una che non capìo nemmeno quello che dicéa... Je chiedéo de compramme lu giornale e essa me risponnéa: (imitando la badante) «Tu preso ieri, che ci fa di altro giornale?»... (risentito) Chi sa che ce facéo?...

PALMINA: Che ce facéi, Gue'?

GUELFO: (guardandola con sufficienza) Ecchene 'n'atra... Mo te lo dicéo quello che ce facéo!... (continuando il discorso) Po' m'ha voluto co' issu e m'ha convinto a venne la casa... (pausa) - (facendosi più triste) E' statu lu periudu più triste de la vita mia, ero diventatu malinconicu, non parlavo più co' nisciu', nemmeno co' l'amici più cari... avéo pijato lu viziu de sali' su l'autobus e de jira' senza 'na meta per tuttu lu jornu, fino all'ora de cena... me mettéo a sede', 'ppogghiavo la testa all'indietro e tenéo l'occhi semichiusi. Tra 'na palpebra e 'n'atra, da quillu filu sottile, intravvedéo le luci de li lampioni, de le case, e me 'mmaginavo quilli che ce abitava, e co' lu pensieru stavo sedutu lì con loro, attorno a quilli tavoli, come facéa le famije a quell'ora... e quasci sempre 'na lacrima me sfuggìa da quillu filu sottile tra le palpebre... E me ne frecavo dell'autista che me stava guardanno da lu specchiettu... Provavo a grattamme lu nasu e la fronte cercanno la lacrima co' la mano, ma la lacrima non ci stava più, era sparita, volata via, tra le luci de le case che a quell'ora sapéa de intimità... Mentre io stavo là fòri... (pausa) 'Na 'ota me capitò 'na ragazzetta seduta di fronte, 'na joenetta de 'na quindicina d'anni che facéa finta de non avemme visto... potéa esse mi' nipote... Che penserebbe se vedesse lu nonnu a piagne? - me chiedéo... je sarrìo voluto chiede: «Sci visto mai tu' nonnu a piagne? Se un jornu te dovesse capita', lascialu fa', non je chiede perché piagne... (abbassa gli occhi)

ZANOTTI: (cercando di stemperare la malinconia di Guelfo) Perché a volte se piagne... cuscì... senza motivu.

PALMINA: E dopo?

GUELFO: Dopo m'ha convinto a veni' quassu' a lu ricoveru... (sconsolato) E io che credeo de ave' costruito 'na bella famija... (scimmiottando la voce del figlio) «Vedrai che starai bene, babbo, almeno ciai qualcuno con cui parla'».

PALMINA: Beh, quello è vero, Gue'.

GUELFO: Io all'inizio non pensavo de trova' persone come vojatri, me so trovatu proprio be'... me sento più a casa mia qua che co' fijumu... almeno qua non 'ntralcio (carica la parola) a nisciu'. - (rivolgendosi a Saverio, alzando la voce con tono addolorato) O Save', ma che un patre 'ntralcia?

NICOLE: (mentre si pettina) Dovrebbero fa' tutti come me, non sposasse mai e viaggia' per tutta la vita, frequenta' li signori e magna' su li ristoranti scicche...

SAVERIO: (imitando la parlata di Nicole) E mi-mica tutti ciavemo la pa-patatina...

(Nicole lo ignora con una smorfia di sufficienza)

ZANOTTI: Sentéte, sapete che ve dico? Ma che ce ne freca? Lo sapemo tutti come funziona 'ste cose: prima c'ha costretto a jiccene de casa e a passa' l'ultimi anni de la vita in collegio, comme li frichi, po' è venuta la crisi, li sòrdi non bastava più, li fiji non fatigava, li nipoti non fatigava e spennéa... e allora rpijemece 'ssi vecchi rimbambiti, si roppicojoni, che cuscì la penzio' ce la pappémo nojatri, tanto loro che ce fa'?... Magnano poco, non se vestono più, non scappano più... a che je serve li sòrdi? - (tutti annuiscono) - Anch'io all'inizio ce so' rmastu male, che ve credete? Io che so fatto lu geometra, chissà che me paréa a fa' studia' fijumu da ingegnere... so fatto tanti sacrifici e so' statu ripagatu con la moneta più brutta. Ma adde' semo capito che stemo mejo qua, che ce semo fatto 'natra famija... io a te, Save', te vojo bene, e anche a Guelfo, a Fiorina, a Nicoletta...

NICOLE: (fermando il pettine e girandosi verso Zanotti) Nicole... mi chiamo Nicole.

SAVERIO: (rivolgendosi a tutti) Ma quanno mai a Ca-Campijo' ce jiti de moda 'ssi nomi fra-francesi?...

NICOLE: Fa' poco lu spiritosu tu... da ragazza, quanno passavo pe' strada se girava tutti... a tanti je venéa pure lu torcicollu!

SAVERIO: Sarà state tu-tutte l'arie che te davi.

NICOLE: Ma perché non te stai zittu, che non si riuscitu neanche a sposatte.

SAVERIO: No. Pe-però ce so' jitu vi-vicino per du' 'ote.

ZANOTTI: (alzandosi in piedi e andando al centro della stanza) Me ricordo la prima notte che so durmito qua... piovèa a dirotto, un temporale... Da le fessure delle serrandine entrava ogni tanto un bagliore, e io cuminciavo a conta': 1001, 1002, 1003, 1004... a 1013 me fermavo, perché sicuramente era li fari de 'na macchina.

GUELFO: E che contavi?

ZANOTTI: Li secondi. Per contalli bene, in maniera esatta, se 'ncumincia da 1001. Quando senti lu tonu, dividi li secondi che scì contato per tre... e se scì contato fino a sei lu fulmine è cascatu a du' chilometri de distanza. E' 'na regoletta semplice.

GUELFO: Vedi che significa a studia'? Lo so sempre detto che a me m'ha frecato la 'gnoranza.

ZANOTTI: La mattina dopo, quando me so' svejatu, so rpensato a li tanti risveji de la vita mia: lu primu jornu da militare... lu primu jornu da sposatu... lu primu jornu senza mi' ma d re ... ma quistu era lu risveju più bruttu... Po' so conosciuto vojatri, semo fatto amicizia, me so' 'ffezionatu, e adde' non rtornerìo a casa manco mortu.

FIORINA: A chi lo dici... io facéo la bidella. Prima mi' fija m'ha fatto venne la casa e me s'ha pijato a casa sua. Co' li sòrdi de la vendita c'ha finito a paga' lu mutuu: (imitando la figlia) «Tanto a te a che te serve ma'? Ce penso io per te, non te devi preoccupa' più de niente»... Un bellu jornu me dice: (imitando la figlia) «O ma', qua non ce 'bbocchemo più, Riccardo è cresciutu e c'ha bisogno de la cameretta... che ne dici se trovemo 'natra soluzione?».

GUELFO: E tu che je si risposto?

FIORINA: Che se potéa trova' 'natru postu, che avrìo durmito in sala, su lu divanu. Ma essa non voléa, non era igienico... 'na madre all'improvviso diventa non igienica... scì capito Gue'? Non era igienico! (rimarca la parola teatralmente) - (con tono deciso) E che ciajo la rogna? (pausa) - Addè mi' nipote è diventatu grossu, s'è diplomatu ma non fatiga. Mi' generu sta sotto cassa integrazio' e mi' fija è casalinga. Addè me sta a fa' la politica per famme rtorna' a casa... sci capito geometra?... Parléte, parléte, ve potete pure sgola', tanto me nnanni ma non me 'ddormi! La penzio' de 'na bidella è sempre 'na bella penzionetta, io che conzumo? Tutta per loro... ma se la po' scorda'! Da qua non me schioda nisciù, so trovato 'na bella famijola, co' vojatri me trovo bene e non ciajo nessuna intenzio' de rtorna' co' 'lle arpie. Manco morta!

ZANOTTI: Adde' non ce pensa' più, statte co' nojatri e non ce pensa' più. Prega solo Dio de sta' in salute...

GUELFO: Ma a quessa chi la 'mmazza?

FIORINA: Beh, non me posso lamenta'... a parte la gamba e qualche problema de circolazio'...

PALMINA: Nojatre stemo be', dije 'n po' Fiori', da quando me so' levato la cistifiele so' rnata.

GUELFO: E do' la scì mista?

PALMINA: E che te saccio? L'avranno messa su qualche barattulu.

GUELFO: Scì, lu barattulu... e che è la marmellata?... quando te leva 'ste cose, le dà a magna' a li gatti, atro che barattulu...

ZANOTTI: Io farò la fine de mi' padre, morirò de ictus...

FIORINA: E che te sai?

ZANOTTI: E' 'na tradizio' de famija, pure nonnu è mortu cuscì. Lu dottore m'ha dato un farmacu per evitallu, e io lu pijo tutti li jorni, ma mica po' fa' li miracoli...

FIORINA: Oh, basta 'n po' a parla' de 'ste cose... penzemo a campa' 'sti po' d'anni che ce rmasti in santa pace, a pensa' male ci stà sempre tempu...

(tutti i presenti annuiscono)

(entra l'infermiera)

INFERMIERA: Signora Nicole, scusa se te disturbo, devi fa' la puntura. Fa con calma, te 'spetto in camera. (esce)

(Nicole esce dalla stanza con passo elegante)

PALMINA: Che ve lo dico a fa'? E allora a me?

(imitando la figlia) «Sai mamma, lu lavoru... come facemo a lasciatte a casa da sola?». Li primi jorni, che ve dico? me vergognavo comme un ca', penzavo a quello che dicéa le perso'... po' me so' detto: va ve' Palmi', la jente sparlerà un pochetto li primi tempi, po' piano piano te se scorderà tutti... - (con lo sguardo rivolto a terra) Li fiji... quanto je so voluto bene!... Quanto li so amati!...

SAVERIO: Quanno ero pi-picculu me sognavo sempre un angelu, un angelu in un atteggiamentu de pre-preghiera. Ciavéa 'na veste lunga, mo-morbida, che lasciava scoperti solo li piedi scazi e le bra-bracce. Ciavèa li ca-capelli lunghi e ricci... rosci. Un angelu co' li capelli ro-rosci. Lu sognavo quasci tutte le sere. 'Na 'ota me pare pure d'avecce pa-parlato in sogno... Da picculu credéo fe-fermamente nell'esistenza dell'angeli... po', un jornu, 'na squadra de òmini in ca-camiscia nera ha fermato mi' padre per strada, l'ha po-portatu dentro a un porto' e l'ha massacratu de 'bbotte... Po-poru babbo, me l'ha lasciatu loco in una po-pozza de sangue. Ma do' stava l'angelu, so pe- pensato, perché non l'ha difesu? Da quillu jornu so odiato l'angeli e non me li so più so-sognati.

ZANOTTI: Adde' lu problema è per 'lla pòra Gina... ade' talmente bona che s'è fatta convince da la fija a 'rtorna' a casa... so saputo... 

(tutti aspettano che Zanotti continui il discorso) 

...scì, 'nsomma, so saputo che sta proprio male, piagne da la matina a la sera, e non cià li sòrdi manco per pijà l'autobus per venicce a trova'.

PALMINA: Ma che me dici? E a te chi te l'ha detto?

ZANOTTI: E' riuscita a telefonamme. Mentre la fija se facéa la doccia, ja frecato lu telefoninu e m'ha chiamato... Non te dico lo piagne... Ja levato li sordi, lu telefoninu, je conta pure lu tempu che sta davanti a la televisio'... 'na vita d'inferno!

FIORINA: Poretta... e non po' 'rvini' co' nojatri?

GUELFO: Senti quessa... te pare facile?

ZANOTTI: Effettivamente non è facile, perché se è vero che nisciuno pò leva' li fiji a un genitore senza un motivu validu, è altrettanto vero che nisciuno pò leva'un genitore a li figli che, dicemo cuscì, lu accudisce. Però... (tutti si girano verso Zanotti)  Un modu ci starebbe...

SAVERIO: E qua-quale?

ZANOTTI : C'avrìo'na mezza idea... addè ce penso mejo e poi ve faccio sape'... Senti Gue', se vòi veni' de sopra in camera mia te faccio vede' come se vede un filmatu su ju tub.

PALMINA: Ju che?

FIORINA: Ma che ce sai quissi che va facenno... non è che vedete le zozzerie?

GUELFO: Ma statte zitta che tu scì 'gnorante e certe cose non le capisci... lu tubbe adè un programma dove pòi vede' li filmati... (fa un gesto di sufficienza con la mano) (con tono sprezzante) E senti quessa... le zozzerie...

(Zanotti e Guelfo escono dalla stanza)

FIORINA: Io Palmi' vado a lavamme l'apparecchiu.

PALMINA: 'Spètteme Fiori', che vengo pure io.

(Palmina e Fiorina escono dalla stanza)

(entra la Direttrice)

DIRETTRICE: Saverio, sei rimasto solo?

SAVERIO: Ogni tanto me ca-capita.

DIRETTRICE: Ti va di andare nella cappellina a cambiare l'acqua ai fiori?

SAVERIO: E comme no? Tanto non cia-ciajo niente da fa'...

(Saverio esce dalla stanza)

(la Direttrice si mette a riordinare gli oggetti sui tavoli e a mettere un po' d'ordine nella stanza) 

(entra l'infermiera)

INFERMIERA: Buonasera dottoressa, non pensavo de trovalla qua.

DIRETTRICE: Sono andati tutti di sopra, e allora stavo mettendo un po' d'ordine... fra poco arrivano i parenti e volevo che tutto fosse ordinato.

INFERMIERA: Dottoressa, je voléo fa' 'na domanda...

DIRETTRICE: Dimmi.

INFERMIERA: So saputo che li fiji de 'sti pòri vecchi sta cercanno de 'rportasseli a casa.

DIRETTRICE: Cercano di convincerli... (ammiccando) Una pensione è sempre una pensione...

INFERMIERA: Però...

DIRETTRICE: (interrompendo l'infermiera) Poi, oltre alla pensione, avere un anziano a casa significa accompagno, 104 e magari anche il permesso per parcheggiare l'auto negli spazi per disabili... Amica mia, parliamoci chiaro... un anziano è una miniera d'oro!

INFERMIERA: Però se loro vanno via anche nojatre infermiere rischiemo lu postu... quistu adè un Istitutu privatu e po'... ciavemo pure lu contrattu a tempu determinatu! (la Direttrice annuisce) Ogni due anziani un'infermiera... e una se ne già jita...

DIRETTRICE: Gina.

INFERMIERA: Se ne dovesse ji via un atru, sarrìo io che verrìo licenziata... l'ultima arrivata! Ma ce penzi? Mi' maritu fatiga un jornu scì e un jornu no, ciajo lu mutuu da paga' e fijumu ha 'ncuminciato le medie quest'anno... sarrìa un disastru!

DIRETTRICE: Tu sei l'ultima arrivata?

INFERMIERA: Eh scì!

DIRETTRICE: Mi dispiace, ma purtroppo non dipende da me, questo è un Istituto privato, se ci sono gli anziani si lavora, altrimenti... ma questo vale anche per me.

(rientra nella stanza Nicole)

(cambiando discorso) Va bene, magari ne riparliamo...

(esce la Direttrice)

INFERMIERA: Signora Nicole, scì sempre più bella.

NICOLE: (girandosi verso di lei) Tu sei una delle poche che me chiama ancora Signora...

INFERMIERA: Ma quant'anni ciai, signo'? Sembra che lu tempu non te passa mai. Me so' sempre chiesta: ma chi è la signora Nicole?

NICOLE: Una che cammina verso la destinazione finale... (pausa) Ogni tanto ciajo 'na sensazione terribile...

INFERMIERA: Quale?

NICOLE: A volte ciajo l'impressio' de esse un vecchiu locomotore stancu, de sta' su un binariu mortu e cammina' per inerzia fino a lu traguardu finale...

INFERMIERA: Ce l'hai li fiji?

NICOLE: (dopo una pausa, con un filo di voce) Unu.

INFERMIERA: Unu solu? 'Na bella donna come te un fiju solu? Comme mai?

NICOLE: (si ferma e guarda fissa davante a sé) Perché so sempre pensato che siccome in quistu mondu non esiste la giustizia, se n'avessi fatti due avrìo parteggiato sicuramente per unu, perché magari me 'rsumijava, o perché ciavèa lu stessu carattere miu, o lu stessu modu de fa'... ma non avéo considerato l'errore, che se po' sbajà pure con un fiju solu... (facendosi più triste) perché un genitore sbaja, come tutti l'esseri umani.

INFERMIERA: A fa' lu genitore è un mestiere difficile...

NICOLE: Esse genitore non è un mestiere, è un attu d'amore...

INFERMIERA: Scì signora Nicole, certo, è proprio un attu d'amore, sennò chi ce lo farrìa fa'? Anch'io ciajo du' fiji... cucina, lava, stira, vanne a lavora'... se non sarrìa un attu d'amore, sai quant'è che avrìo mannato tutti a quillu paese...

NICOLE: Ci sta solo da spera' che quando diventano grandi, li fiji capiscono e comprendono, nel bene e nel male... comprendono le tue debolezze, ma anche i tuoi pregi, e che arriva un giornu che comprendono anche i tuoi errori... ecco, allora un genitore pò mori' serenu...

INFERMIERA: Che mestiere fa tu fiju?

NICOLE: (con la voce rotta e lo sguardo rivolto in basso) Non lo so. (pausa) Lu giudice me la levatu che era ancora picculu... l'Istituto me lu paga l'ultimu compagnu miu... era riccu sa'? L'ha lasciato scritto su lu testamentu... fino a che non moro ciajo la retta pagata ogni mese.

INFERMIERA: Te voléa bene.

NICOLE: Era bonu... era sempre disponibile co' tutti, regalava lu tempu a tutti... e invece lu tempu è preziosu, anzi, è la cosa più preziosa che ciavemo... perché non 'rtorna più, e bisogna dallu solo a chi se lu merita.

INFERMIERA: Giusto, signora Nicole! Se vede che si girato, che si 'na donna de mondu...

NICOLE: Eh scì, so girato... so conosciuto bene la vita, quella reale, atro che le telenovele!... Ma a la fine so' finita qua, co' 'na compagna de stanza che russa come un trattore e me fa sta sveja a pensa'...

INFERMIERA: Oggi ciai l'occhi rosci.

NICOLE: Perché so pianto... era tantu tempu che non piagnéo... oggi m'è venuto da piagne.

INFERMIERA: Dopo mettece un po' d'acqua fresca... Ciao signo', io vado via che fra poco finisco lu turnu. Buona domenica.

(l'infermiera sta per uscire e Nicole la afferra per un braccio)

NICOLE: Senti, famme un piacere, non me chiama' più Signora... io non so' più 'na signora... forse lo so' stata, ma adesso so' solo 'na pòra vecchia piena de rimorsi.

(l'infermiera dà un bacio sulla fronte a Nicole ed esce dalla stanza)

(entrano il geometra Zannotti e Guelfo)

ZANOTTI: Certo che ciai 'na zocca dura... adè dieci 'ote che te lo spiego e ancora non si capito...

GUELFO: Io mica so studiato come te. A proposito... come se fa a vede' su lu compiuter...

ZANOTTI: (lo guarda storto) Che?

GUELFO: 'Lle cose... scì, 'nsomma... daje che me scì capito!

ZANOTTI: Ma statte zittu! E sentulu quissu... vo' vede' le cose... 

(rimarca teatralmente) 'sse cose non se po' vede' su lu compiuter, perché PIJI LI VIRUS!

GUELFO: Li virus? Ma io le vojo solo vede'... mica tocca'!

(Zanotti si prende la testa tra le mani in segno di disperazione)

(rientrano nella stanza Saverio, Fiorina e Palmina)

SAVERIO: O Gue', ce fa-facemo 'na briscoletta?

ZANOTTI: Prima voléo parlavve de Gina.

SAVERIO: De Gina?

ZANOTTI: Scì, de Gina, de 'lla poretta che vorrìa 'rtorna' co' nojatri qua all'Istituto. Venéte qua.

(tutti si mettono intorno al geometra Zanotti)

FIORINA: Nicole, venne pure tu.

(Nicole si avvicina)

ZANOTTI: Io so fatto per quarant'anni lu geometra e so conosciuto un saccu de notai... 

(tutti annuiscono) 

Gina è intestataria della casa sua, quindi potrebbe, tramite 'na procura a unu de nojatri, venne la casa a terzi...

GUELFO: Cioè a 'natru...

ZANOTTI: Scì, a 'natru. Cuscì la fija, non avenno più la casa, è costretta a 'rportalla qua. E' come se dicesse...

FIORINA: Mo ve freco io!

(tutti guardano Fiorina)

ZANOTTI: Io co' Gina ce sò già parlato per telefono, è 'na donna intelligente... essa è d'accordo, je sò pure spiegato lu pianu.

SAVERIO: La fija se 'nga-'ngazzerà come 'na biscia, però a nojatri che ce ne freca? Co-comme se dice? A mali estremi...

ZANOTTI: Estremi rimedi! Giustissimo. L'unica cosa è che dovemo 'mpegnacce a sta' zitti. Non dovémo fa' parola co' nisciu'.

SAVERIO: Scu-scusa geometra, voleo fa' 'na do-domanda... 

(tutti lo guardano) 

Va be' che Gina vò-vòle venne la casa, ma ci sta chi la co-compra?

ZANOTTI: Ce stavo 'rrivanno. A lu pianu de sopra dell'appartamentu de Gina ci sta un professore che sta in affitto e da tempu avéa chiesto a Gina se je vennéa l'appartamentu... Prima Gina j'avéa detto de no, addè però cià parlato e ja fatto capi' che se lu vurrìa venne... Dopo io so telefonato a lu professore...

GUELFO: Ah, je scì telefonato? E che t'ha detto?

ZANOTTI: M'ha detto che se Gina lu venne a lu stessu prezzu che s'era misti d'accordo, issu lu compra de sicuro, ma siccome la fija non voléa venne, issu non s'era più 'nteressatu e non j'avéa più detto niente.

SAVERIO: E co' lu no-notaiu come fa-facémo?

GUELFO: Giusto, come facémo?

(gli altri annuiscono mentre Nicole si specchia e si aggiusta i capelli con le mani)

ZANOTTI: Ve sete scordati che io so fatto quarant'anni lu geometra e non so ancora del tutto rimbambitu... ma lo sapete quanti notai conosco? Non ce n'avete idea... So già chiamato lu notaiu Fabrizi, unu che ha fatto resuscita' pure li morti per faje fa' li rogiti...

GUELFO: Un 'mbrojo'?

ZANOTTI: No, non è un 'mbrojò... dicemo che non sta a guarda' li pili.

SAVERIO: Ma lu pia-pianu quale sa-sarrìa?

ZANOTTI: Adde' ve lu spiego. Tu Palmi' vanne vicino a la porta e se 'rria qualcuno méttete a tosce.

PALMINA: (alzandosi malvolentieri) Però sempre io devo fa' la parte de la malata.

GUELFO: Ce si portata, la fai talmente be' che sembri 'na malata vera...

PALMINA: (mentre cammina verso la porta, tra sé e sè) Madonna mia... addè me devo pure mette a tosce...

(Palmina va vicino alla porta e si mette a fare il palo)

ZANOTTI: Una de 'ste domeniche Gina se fa porta' qua da la fija co' la scusa de venicce a trova'... non è che la fija lo fa volentieri, ma co' mocco' de politica Gina m'ha promesso che je la fa.

SAVERIO: E do-dopo?

ZANOTTI: Quando sapemo lu jornu precisu, io avverto lu notaiu, issu vène qua, fa finta de esse un parente nostru, Gina firma la procura a unu de nojatri e lu jocu è fattu... Dopo è quillu che pija la procura che venderà la casa a lu professore a postu de Gina... cuscì la fija non sa niente e trova pappa fatta.

GUELFO: Madonna, scì 'na gorba, io non c'avrìo mai pensato...

NICOLE: Perché sei 'gnorante...

GUELFO: (girandosi verso Nicole) Ma che vo' tu? Spècchiete e statte zitta! Senti quessa...

SAVERIO: Quindi fa-famme capi': Gina se fa po-porta' qua da la fija...

ZANOTTI: So pensato a tutto io, vojatri dovete solo stavve zitti... MUTI!... fino a quando non facemo lu rogitu. L'unica cosa... 

(tutti guardano verso il geometra) 

l'unica cosa è decidere chi pijerà la procura.

(si guardano tutti tra di loro)

SAVERIO: Beh, pi-pijela tu geometra, che ce ca-capisci più de nojatri.

ZANOTTI: Ma non ci sta niente da capi', basta solo firma'... un paio de firme e morta là.

FIORINA: Chi è mortu?

ZANOTTI: No, dicevo morta là nel senso che è tutto qui, due o tre firme, tutto qui. Sapete firma', no?

GUELFO: O geometra, va be' che non semo fatto le scòle ate come te, però sapémo legge e scrìe, cacchio.

ZANOTTI: Appunto. Allora la procura la piji tu, Guelfo, cuscì io ciajo solo lu compitu de controlla' che tutto vada bene.

(tutti annuiscono al fatto che sia Guelfo ad avere la procura)

GUELFO: Sempre Guelfo... e se non so' d'accordo?

ZANOTTI: Eccepisci!

GUELFO: (sbalordito) Come sarrìa a di'?

ZANOTTI: Eccepisci! Se non sei d'accordo, eccepisci.

GUELFO: Un gorbu geometra comme sci diventatu sboccacciatu... io so' 'na persona educata e 'sse cose non le faccio davanti a le perso'...

ZANOTTI: Ma che scì capito? Volevo di' che se non sei d'accordo, eccepisci, obietti... Eccepire è sinonimo di Obiettare...

GUELFO: Madonna! Va a fini' che co' lo sta qua prima o poi me laureo... Comunque, se lo dicete vojatri... va be', famme 'n po' mette 'sse du' firme, tanto anche se vado in galera non faccio un sordu de dannu.

ZANOTTI: Allora semo tutti d'accordo? Scete capito lu pianu? 

(tutti annuiscono) 

(con un tono da condottiero) Je facemo vede' che saremo pure vecchi, che li fiji saranno pure più colti de nojatri, ma nojatri c'avemo più esperienza de loro... semo 'mparato la vita, e per 'mparà la vita non serve la scòla, ce vole ad avella vissuta.

SIPARIO


ATTO SECONDO

La scena si apre nella sala-tv della casa di riposo. All'interno della stanza c'è solo Saverio, che sta leggendo un giornale. Entra Guelfo, che sta armamentando con un telefonino.

GUELFO: (ragionando ad alta voce) Vurrìo sape' chi li 'nventa sti aggeggi... (rispondendo alla voce del telefonino) Pronto! Ma chi parla? Io so misto dieci euro lu mese scorsu, comme mai me dicete che adè finutu lu creditu? Pronto! Pronto!

(entra il geometra Zanotti)

ZANOTTI: Che ciai Guelfo? Che te urli?

GUELFO: Quessa me sta a di' che lu creditu adè finitu...

ZANOTTI: Ma chi è?

GUELFO: Che te saccio? A parla tutta cuscì... (mima un atteggiamento ricercato)

ZANOTTI: Damme 'ssu telefunu. (prende il telefonino e lo appoggia all'orecchio) Ma quessa adè la voce 'mpostata... mica adè 'na persona, è un discu! Madonna mia, aiutace tu. Te dice che ogni quattro settimane te scade lu creditu.

GUELFO: Quattro settimane non è un mese?

ZANOTTI: No! Quattro settimane è quattro settimane, se le conti non è un mese... vojo di'... non è un mese come lu intendi tu, dal 24 al 24, ma se conti quattro settimane...

GUELFO: Per carità, geometra, lascia perde, quissu adè come lu calculu de li fulmini... lascia perde, doma' pijo dieci euro e lu 'rcarico...

ZANOTTI: Che stai leggenno Save'?

SAVERIO: Sta-staco leggenno un articulu su li mi-miracoli...

ZANOTTI: E che dice?

SAVERIO: Dice che è apparsa la Ma-Madonna a un fricu.

(Guelfo, che stava armeggiando con il suo telefonino, si ferma e guarda Saverio)

ZANOTTI: E tu ce credi?

SAVERIO: Lu Ve-Vescuvu ha chiamato un espertu...

GUELFO: Un espertu de la Madonna...

ZANOTTI: O Gue', daje, queste è cose sacre...

GUELFO: Ebbè, che so ditto? Unu che se ne 'ntenne de motori è un espertu de macchine, unu che se ne 'ntenne de madonne, che è?

(entra la Direttrice)

DIRETTRICE: Ecco Guelfo, finalmente t'ho trovato. Cercavo proprio te. E' arrivato tuo figlio e tua nuora. Li faccio venire subito.

GUELFO: Faccia con calma dottoressa, mica ci sta prescia...

SAVERIO: Certo che ave' un fi-fiju è bello... quando diventi vecchiu e non c'hai li fi-fiji, come me, non te rmane che jittene da so-solu su lu ricoveru... 'nvece se c'hai un fi-fiju...

GUELFO: Te ce 'ccompagna issu co' la macchina.

DIRETTRICE: (rivolgendosi a Saverio) A proposito... ho trovato due bottiglie di vino sotto il tuo letto... come te lo devo dire? Bere ti fa male, hai i valori delle analisi che non sono proprio come dovrebbero essere... ti vuoi uccidere?

SAVERIO: Dottore', bevo ogni tanto un go-goccettu...

DIRETTRICE: Ma cosa ti ha detto il dottore?

SAVERIO: Lu do-dottore m'ha detto che se continuo a be-beve non finisco la ve-vecchiaia...

DIRETTRICE: E allora?

SAVERIO: Pe-però io non ce cre-credo...

DIRETTRICE: Come sarebbe non ci credi?

SAVERIO: Non ce credo perché ve-vedo in giro più vecchi 'mbriaco' che ve-vecchi dottori...

(la Direttrice fa un gesto come a raccomandarsi a Dio)

DIRETTRICE: Dai, andiamo, vieni con me, adesso andiamo a togliere quelle bottiglie... Ti mando tuo figlio e tua nuora, Guelfo.

(escono la Direttrice e Saverio)

(Zanotti e Guelfo restano soli)

ZANOTTI: Lu miu l'anno scorso è venutu a trovamme solo du' 'ote... prima de Pasqua e dopo Natale.

GUELFO: Perché dopo Natale? L'auguri non se fa prima de Nata'?

ZANOTTI: Era dovutu parti' per la settimana bianca...

GUELFO: T'avrà telefonato...

(Zanotti non risponde)

GUELFO: (comprendendo il disagio dell'amico) Ma scì, t'avrà telefonato de sicuro... non vedi geometra? Qua li telefonini 'na 'ota pija e dieci no.

(entra la Direttrice, il figlio e la nuora di Guelfo)

DIRETTRICE: (rivolgendosi al figlio di Guelfo) Eccolo qua suo padre. Lui fa coppia fissa con il geometra Zanotti, sono inseparabili... Beh, vi lascio, se avete bisogno di qualcosa io sono nel mio ufficio.

FIGLIO di GUELFO: Ciao ba', come stai?

GUELFO: E comme vòi che stò? Da poru vecchiu.

FIGLIO di GUELFO: Te 'nnoji tuttu lu jornu co' quissi?

(Zanotti lo guarda storto e si mette seduto in poltrona a leggere un giornale)

GUELFO: Ma che me 'nnojo... anzi, parlemo, jochemo a carte, guardemo la televisio'...

FIGLIO di GUELFO: Ma non staresti mejo a casa?

GUELFO: Ma no... qua ciajo li compagni... 

(entra Nicole)

Ci stà pure la signora (indica Nicole) che ha jirato lu munnu, sapessi quante cose ce racconta... Statte tranquillu, io non me 'nnojo, la vecchiaia adè bella... peccato che dura poco.

NUORA di GUELFO: Ma a casa c'avresti tutto per te, la camera tua...

GUELFO: (con tono secco) No! 

(poi continua più pacato) Qua sto bene, vojatri pensete a la salute e a fa' cresce Peppino comme Dio commanna... che a Guelfo ce pensa Guelfo.

FIGLIO di GUELFO: Peppino deve ji fòri a studia, sai... de sòrdi ce ne vòle tanti...

GUELFO: Eh, te capisco, che vòi fa'... Po' un ragazzu che studia c'ha anche bisogno de silenzio... non bisogna 'ntralciallu... (lo dice in maniera teatrale).

NUORA di GUELFO: De sòrdi ce ne vòle sempre de più, Gue', e allora saremo pensato...

GUELFO: No, non penséte, a pensa' troppo fa male alla salute...

FIGLIO di GUELFO: (alzando la voce) Tu pensi sempre a te stessu!

(Nicole e Zanotti si girano verso il figlio)

(abbassando la voce) Scì pensato sempre a te stessu, mica te preoccupi de tu fiju, de tu nipote...

NUORA di GUELFO: De li problemi che c'ha 'na famija...

GUELFO: Io quanno me so' fatto la famija, quanno so sposato tu' madre... atro che problemi... non ciaveo 'na lira, eppure te so cresciuto sanu e liberu, e non si mai sfigurato co' nisciu'...

(Nicole esce dalla stanza)

(Zanotti si alza, mette a posto il giornale ed esce anche lui)

ZANOTTI: (rivolgendosi ai tre) Beh, buonasera, io vado de sopra. Ciao Gue', ce vedemo dopo. Me raccomanno, ricòrdete sempre lu mottu nostru: Me nnanni... ma non me 'dormi!

FIORINA: (entrando insieme a Palmina nella stanza) Dovéi vede' che scena...

PALMINA: Ma ja ditto proprio cusci'?

FIORINA: Ebbè, quanno ce lo vòle ce lo vòle... Lu patre s'era resposato una più giovane... adde' che java cercanno? 

(rivolgendosi al figlio e alla nuora di Guelfo) Buonasera... Buonasera signora.

NUORA di GUELFO: Buonasera.

FIORINA: O Gue', si visto Nicoletta?

GUELFO: Stava qua cinque minuti fa...

NUORA di GUELFO: Pensavo che se chiamasse Nicole... ma è italiana?

FIORINA: Ma che Nicole... Se chiama Nicoletta e abitava jo a Campijo'...

NUORA di GUELFO: Lu maritu adè mortu?

FIORINA: L'amicu vorrai di', no lu maritu, mica ade' sposata... da giovane vennéa li fiori vicino a lu cimiteru... magari era anche onesta, io non je posso di' co', facea certi belli mazzi...

GUELFO: Tu 'nvece li mazzi tui non te li fa' mai...

FIORINA: Ebbè, che so ditto?

GUELFO: Niente, niente, co' du' minuti la si fatta secca!

(Fiorina alza le spalle e si mette seduta a fare l'uncinetto)

(entra la Direttrice)

DIRETTRICE: E' arrivato il figlio di Zanotti... ma dov'è andato Zanotti?

GUELFO: E' jitu de sopra, dottore'.

DIRETTRICE: Adesso lo vado a chiamare.

(esce la Direttrice)

FIGLIO di GUELFO: Allora ba', che ne dici se domenica prossima te venemo a pija' e stai co' nojatri per tutta la jornata? Facemo pranzo, poi...

GUELFO: Domenica ciajo da fa'...

FIGLIO di GUELFO: E che ciai da fa'?

GUELFO: Ciajo lu torneu de briscola.

FIGLIO di GUELFO: Allora facemo domenica quell'atra.

GUELFO: Vedemo 'n po'... no, neppure domenica quell'atra. Vène lu vescuvu a trovacce... anzi, è mejo che non venéte... sa', issu è cattolicu...

FIGLIO di GUELFO: E te credo... ma che significa?

GUELFO: Significa che se è cattolicu sicuramente ha letto lu Vangelu, e l'ipocriti non li po' vede'... 

(parlando piano con circospezione) A unu 'na 'ota ja dato un caciu là lu culu che ancora se lu rsente...

(Palmina sta per uscire e lo fa mimando un'uscita in punta di piedi)

NUORA di GUELFO: Va be', semo capito... jemo, jemo via, tanto parutu adè statu sempre cusci'. 

(prende il marito per un braccio e se lo trascina via)

FIGLIO di GUELFO: (rivolgendosi al padre) Ricòrdete ba'... che non finisce qua, tu non pòi...

GUELFO: (interrompendo il figlio) Saluteteme lu fricu... diceteje che quanno vòle veni' a trova' lu nonnu, lu nonnu sta sempre qua...

(il figlio e la nuora escono nervosamente)

(Guelfo, a voce alta, verso il figlio e la nuora che stanno uscendo) Ah, diceteje pure...

(il figlio e la nuora sono già usciti, e Guelfo continua a bassa voce, mentre si accascia sulla sedia)

GUELFO: Che nonnu je vòle bene.

(dopo aver pronunciato questa frase, rimane pensieroso sulla sedia, mentre Fiorina fa finta di niente e continua le sue faccende)

(entra il figlio di Zanotti)

FIGLIO di ZANOTTI: Buonasera.

GUELFO: Buonasera.

FIORINA: 'N'atru fiju tuu, Gue'?

GUELFO: No no, me ne basta unu... anche troppu.

FIGLIO di ZANOTTI: Sono l'ingegner Zanotti (caricando la qualifica), il figlio del geometra Zanotti... - (Fiorina fa un gesto con la mano come per dire: caspita!) Sapete dov'è mio padre?

GUELFO: (alzandosi dalla sedia) E' andato de sopra... se vuole je lo chiamo.

FIGLIO di ZANOTTI: (con altezzosità) E certo che voglio... secondo lei per quale motivo sono venuto qua?

GUELFO: (rivolgendosi a Fiorina) Fiori', ma che li semo fatti tutti co' lu stampu?

FIGLIO DI ZANOTTI: Prego?

GUELFO: No, niente... parlavo da solu.

(entra il geometra Zanotti)

FIGLIO di ZANOTTI: Ciao papà.

ZANOTTI: Ciao, come stai?

FIGLIO di ZANOTTI: Abbastanza bene. Tu piuttosto, come va la pressione?

ZANOTTI: Me la controlla lu medicu... pijo le pasticche.

FIGLIO di ZANOTTI: Ti volevo dire che per un periodo non potrò venire a trovarti... sai, adesso ho aperto lo studio più grande e spesso lavoro anche la domenica...

ZANOTTI: Non te preoccupa', lavora, lavora... tanto qua ce l'ho la compagnia...

FIGLIO di ZANOTTI: Magari se hai bisogno di qualcosa mi telefoni... poi se qualcuno per caso viene qui...

ZANOTTI: (interrompendo il figlio) Qua non ce vène nisciu' per caso, qua ce devi veni' apposta... quando entri qua dentro, co' lo passa' de lu tempu 'ncuminci a cancella' le perso' da la mente...

FIGLIO di ZANOTTI: Ma...

ZANOTTI: Quando entri qua ormai ciai 'na certa età e lu fiatu te cumincia a manca'... e allora cerchi de fa' piazza pulita de tutte le cose che 'ngombra lu respiru... ce riesci sa', le prime 'ote è dura ma mese dopo mese 'ncuminci a non sopporta' più nisciu', forse 'ncuminci a non sopporta' più neanche te stessu...

FIGLIO di ZANOTTI: Ma non puoi fare così, cosa fai, ti ammazzi allora?

ZANOTTI: (guarda il figlio intensamente) Perché, pensi che qualcuno se ne 'ccorga?

FIGLIO di ZANOTTI: Papà...

(entra la Direttrice)

DIRETTRICE: Ingegnere, come sta sua moglie? Ci vediamo spesso dalla parucchiera, lo sa?

FIGLIO di ZANOTTI: Bene, grazie. Volevo dirle... se dovesse servire qualcosa a mio padre, le sarei grato se lo dicesse a me, magari con uno squillo, oppure a mia moglie...

ZANOTTI: E mica so' carceratu! Io posso uscì quando me pare... non so' ne' carceratu, ne' 'mpeditu, quindi se me serve qualcosa lo dico a me stessu.

DIRETTRICE: Il geometra è una persona ancora integra e autonoma, un giovanotto. Comunque non si preoccupi, ingegnere, ci penso io.

FIGLIO di ZANOTTI: Beh, io vi lascio perché stasera ho una cena... mi devi dire qualcosa papà?

ZANOTTI: Buon appetito.

(il figlio di Zanotti abbraccia il padre, che rimane freddo, e saluta tutti i presenti)

DIRETTRICE: Aspetti, ingegnere, che l'accompagno.

(escono la Direttrice e il figlio di Zanotti)

GUELFO: O geometra, ormai adè le sette e mezze, jemo a cena e po' ce ne jemo a durmi', che qua la domenica adè più stancante de 'l'atri jorni...

ZANOTTI: Ciai ragio' Gue', jemo, che cumincio ad ave' 'mmocco' de fame anch'io. Vèni pure tu, Fiori'?

FIORINA: E che io non magno?

ZANOTTI: Che te saccio, vojatre donne facete sempre la dieta...

(Fiorina fa un gesto come a mandarlo a quel paese, tutti e tre vanno verso la porta ed escono dalla stanza)


A questo punto le luci della scena si abbassano piano piano, fino ad avere il buio totale nella stanza. Il buio totale rimane per trenta secondi, per simboleggiare che sono trascorsi alcuni giorni. Trascorsi i trenta secondi, piano piano le luci della scena iniziano a riapparire, fino a che la stanza è illuminata normalmente.


(entrano nella stanza Zanotti e Guelfo)

GUELFO: A che ora dovéa veni' lu notaiu?

ZANOTTI: M'ha detto a le cinque.

GUELFO: Adde' che ora è?

ZANOTTI: Le cinque e cinque.

(entra l'Infermiera insieme a Gina)

INFERMIERA: Guardéte chi è 'rrivati!

GINA: Belli mii!

ZANOTTI: Gina!

GUELFO: O Gi', ma che vai facenno?.

(Gina abbraccia Zanotti e Guelfo)

INFERMIERA: Va be', ve la lascio, ma me raccomanno, trattetemela be'... sci visto mai che je ve' voja de rvini'?

(esce l'Infermiera)

GINA: (parlando sottovoce a Zanotti) Lu notaiu ancora non è 'rrivatu?

ZANOTTI: Dovéa sta qua a le cinque... lu stemo 'spettanno. 

(rivolgendosi ai due) Scete capito tutto, no? 

(rivolgendosi a Guelfo) Guelfo, tutto chiaro?

GUELFO: Tutto chiaro.

GINA: Comme te posso ringrazia', geometra, se non c'eri tu...

ZANOTTI: Adde' Gi' non è il caso, prima facémole le cose, po' cantemo vittoria.

(entra la Direttrice)

DIRETTRICE: C'è un certo Vittorio Fabrizi, il cugino del geometra.

GUELFO: Lu nota...!

ZANOTTI: (coprendo le parole di Guelfo) Mi' cuginu! Je l'ha fatta a veni', è un annu che me dice che dovéa venimme a trova'...

GUELFO: 'Ngorbu a li parenti...

DIRETTRICE: Guelfo!

(entra il Notaio)

NOTAIO: Permesso?

DIRETTRICE: Buonasera signor Fabrizi.

NOTAIO: Buonasera dottoressa.

DIRETTRICE: Se vuole lasciare la borsa, la porto di là.

ZANOTTI: No! 

(la Direttrice guarda in modo interrogativo Zanotti, il quale, riprendendosi) 

A mi' cuginu tocchéteje la moje ma non je levéte la borsa!

NOTAIO: No, grazie dottoressa, la tengo con me, anche perché non mi tratterrò a lungo, solo un saluto veloce a questo cugino disgraziato che mi dice sempre di venirlo a trovare, ma purtroppo il lavoro...

ZANOTTI: (indicando Gina) Te la ricordi Gina, vero?

NOTAIO: (con aria interrogativa) Gina... Gina... Ah, sì! E come non mi ricordo Gina... (tendendo la mano a Gina) Ciao Gina, sei sempre giovane, ma a te gli anni non ti passano mai?

GINA: Tu no' li vedi ma un gorbu se passa... passa, passa...

NOTAIO: Ma la vecchiaia non è una malattia...

GUELFO: Non sarà 'na malattia, però ce se mòre.

ZANOTTI: Beh, lascémo perde... piuttosto, non ce potémo mette qua a lu tavulu a parla'? Mi cuginu me deve fa vede' anche mocco' de fotografie de quanno eravamo giovani... mettemece tutti e quattro qua a lu tavulu che stemo più comodi.

(Zanotti, Guelfo, Gina e il Notaio si mettono seduti intorno al tavolo)

DIRETTRICE: Allora vi lascio soli, state comodi e parlate tranquillamente... anzi, vi chiudo la porta così non vi disturba nessuno.

NOTAIO: Grazie dottoressa, è molto gentile.

DIRETTRICE: Ci mancherebbe, i parenti dei nostri ospiti sono sacri...

(la Direttrice esce dalla stanza)

ZANOTTI: Notaio, qua bisogna fa' presto, perché se rientrano Palmina e Fiorina, 'sta procura la conosceranno pure in Australia...

NOTAIO: Palmina e Fiorina? E chi sono?

GUELFO: Du' macchine da guerra!

NOTAIO: Va bene, io ho preparato tutto, mi mancano i dati e poi possiamo firmare. (guardando i tre) Chi è il procuratore?

GUELFO: (con tono impaurito) Lu procuratore? Ecco, vedi, lo sapéo che se mettéa male... quanno 'ncumincia a stacce li procuratori... non è che qua se va in galera?

(il Notaio lo guarda in modo interrogativo)

ZANOTTI: Ma no, ma che scì capito? Non è lu procuratore...

GUELFO: (interrompendolo) Come non è lu procuratore?

ZANOTTI: Quissu me fa diventa' scemu... Quillu che dici tu è lu Procuratore della Repubblica, che non c'entra niente co' lu procuratore che dicémo nojatri... lu procuratore nostru adè quillu che pijerà la procura... che saresti tu!

GUELFO: Ah, e spiegheteve mejo, che te saccio... lu procuratore...

NOTAIO: Allora, lei signora vuole vendere il suo appartamento e per effettuare la vendita dà la procura a...?

ZANOTTI: (indicando Guelfo) A lui.

NOTAIO: Bene, allora cominciamo a scrivere la procura. 

(il Notaio tira fuori un fascicolo dalla borsa) 

Ho preparato già tutto, basta aggiungere i dati e firmare. La signora Gina?

GINA: So' io.

ZANOTTI: Scì, ma come te chiami?

GINA: Comme sarrìa a di' comme me chiamo? Me chiamo Gina!

ZANOTTI: Lu cognome!

GINA: Ah, lu cognome... Da signorina o da sposata?

NOTAIO: Tutti e due.

GINA: Gina Battilà da signorina, da sposata so pijato Fughetta...

GUELFO: Perché, ciavéi paura che ce rpenzava?

NOTAIO: Allora... la signora Gina Battilà, vedova Fughetta, nata a...?

GINA: Grottazzolina.

NOTAIO: Il...?

GINA: Il 22 febbraio 1937.

NOTAIO: Delega il signor...?

ZANOTTI: Daje Gue', adde' tocca a te.

GUELFO: Giuseppe Palmieri.

ZANOTTI: (con tono interrogatorio) Giuseppe?

GUELFO: Scì, non lo sapéi? Io me chiamo Giuseppe, mica Guelfo... Guelfo è un soprannome che ciajo da quanno ero fricu.

NOTAIO: Allora, delega il signor Giuseppe Palmieri...

ZANOTTI: 'Spetta, 'spetta, notaiu... (rivolgendosi a Guelfo con tono indagatorio) Tu non te chiami Guelfo?

GUELFO: No. Anche se ormai me ce chiama tutti... Me ce so' talmente 'bbituatu, che quando qualcuno me chiama co' lu nome miu veru, manco je risponno.

ZANOTTI: E come mai ciai 'stu soprannome?

GUELFO: Perché quando so' natu, babbo me voléa mette lu nome de mi' nonnu paternu, Giuseppe... mamma quillu de mi' nonnu maternu, Guelfo...

ZANOTTI: E allora?

GUELFO: Allora alla fine ha deciso babbo, quattro urli e du' bestemmie... Però, siccome era più 'mbriacu la matina che la sera, 'lla pòra mamma me chiamava sempre Guelfo, tanto che tutti pensavano che me chiamavo cuscì...

NOTAIO: (spazientito) Quando avete finito, ditemelo, così posso andare avanti.

ZANOTTI: (sospirando) Semo finito, semo finito...

NOTAIO: Bene. Ricapitoliamo. La signora Gina Battilà, vedova Fughetta, nata a Grottazzolina il 22 febbraio 1937, delega il signor Giuseppe Palmieri, nato a...

GUELFO: A Fermo, il 14 giugno 1938.

ZANOTTI: A Fermo?... Scì sicuru?

GUELFO: Certo che so' sicuru!

ZANOTTI: (guardandolo con circospezione) Co' te non se po' mai sape'...

NOTAIO: Su, sbrighiamoci, che potrebbe entrare qualcuno. Allora... delega il signor Giuseppe Palmieri, nato a Fermo il 14 giugno 1938, alla vendita dell'immobile sito in via...?

GINA: Via Sandro Pertini numero 149.

NOTAIO: ...Sandro Pertini numero 149... (il notaio prende alcuni fogli) partita 5728, foglio 12, particella 129 sub 3. (pausa) Allora, signora Gina, è sicura di dare la procura a Palmieri Giuseppe?

(Gina guarda il geometra)

ZANOTTI: Che fai, me guardi? Dije de scì.

GINA: Scì, scì, so' sicura!

NOTAIO: Allora dovete mettere le firme.

GUELFO: Spetta notaiu, che devo pija l'occhiali... dopo 'na certa età Dio ce fa vede' de meno...

NOTAIO: Dio che c'entra? E' un fatto naturale.

GUELFO: No no, è proprio Dio a facce 'stu regalu...

NOTAIO: Chiamalo regalo...

GUELFO: Eh scì, proprio un regalu. Quando semo vecchi Dio fa in modo che ce se 'ndebolisca la vista, cuscì quando ce guardemo a lu specchiu potemo di': però, non so' cambiatu per niente rispetto a dieci anni fa...

NOTAIO: Va bè, procediamo con le firme. Lei Palmieri firmi qui... qui... e qui. Lei signora Battilà deve mettere una firma qui... qui... e qui. 

(Guelfo e Gina mettono le firme) 

Allora è tutto a posto. Abbiamo la procura. Giovedì prossimo, alle 15, dovranno venire nel mio studio il signor Palmieri e l'acquirente per fare il rogito. Ci sono domande?

(entra Palmina)

PALMINA: Gina, manco me scì salutato.

GINA: Me so' messa a parla' co' lu dottore...

PALMINA: Lu dottore?... (si avvicina al Notaio) Lei è dottore?

NOTAIO: Sì.

PALMINA: Senti 'n po' dotto'... comme mai è un periudu che ciajo lo sangue ato?

GUELFO: Perché prima abitavi a lu Portu e adde' stai a Fermo... che vòi, anche lo sangue s'è azato.

NOTAIO: No, signora, non sono un medico, sono dottore ma non sono un medico. I dottori non sono solo medici...

(Palmina sembra non capire e fa una smorfia)

GUELFO: (rivolgendosi a Palmina) Palmi', lascia perde, quisti adè discorsi per chi ha studiato...

NOTAIO: (rivolgendosi a Guelfo e Gina) Va bene... ci sono domande?

ZANOTTI: No, nessuna domanda. Ce vedemo giovedi alle 3, a Guelfo lu 'ccompagno io... Notaio, venga, je faccio strada...

GUELFO: (rivolgendosi al Notaio) Dove ce l'ha lu studiu?

NOTAIO: Vicino piazza, a casa mia... sotto c'è lo studio e sopra l'abitazione...

GUELFO: Casa e bottega!

NOTAIO: Eh sì, però con tutti gli appuntamenti che ho, casa mia è diventata...

GUELFO: 'Na casa d'appuntamenti!

(il Notaio si avvicina alla porta insieme al Geometra Zanotti)

GINA: Vengo pure io, tanto fra poco 'rriva pure mi fija...

(il Notaio saluta tutti ed esce dalla stanza insieme a Zanotti e Gina)

(Guelfo e Palmina restano soli)

PALMINA: O Gue', ma chi era quillu?

GUELFO: (prendendo un giornale in mano) Lu cuginu de lu geometra.

PALMINA: E' dottore?

GUELFO: E' un omu de legge.

PALMINA: Un avvocatu.

GUELFO: Tipo un avvocatu... unu che difenne le perso' che c'ha li fiji strunzi.

PALMINA: Difenne solo quilli? E comme magna?

GUELFO: Magna, magna... un gorbu se magna!

SIPARIO


ATTO TERZO

La scena si apre nella sala-tv della casa di riposo. 

Entra Guelfo cantando ad alta voce.

GUELFO: Domenica è sempre domenica/si sveglia la città con le campane...

(entra la Direttrice)

DIRETTRICE: Guelfo, vedo che oggi sei allegro...

GUELFO: Beh, so' contentu che rtorna Gina... un pochetto c'è mancata, nojatri ce volémo bene, stemo tutti... comme se dice? sull'ultimu corridoiu de la vita... ciavémo 'na porta rraperta davanti e una chiusa de dietro... dovémo volecce bene...

DIRETTRICE: Gina dovrebbe venire fra poco... la dovevano portare stamattina ma poi la figlia ha voluto posticipare... comunque la sto aspettando anch'io.

GUELFO: Me sa che la fija sta moccò 'ngazzata, è vero dottore'?

DIRETTRICE: E' stata costretta a riportarla, perché dopo che Gina ha venduto la casa a loro insaputa, si sono trovati senza casa e con un affitto da pagare, e siccome il marito della figlia purtroppo non lavora, sono riusciti soltanto a prendere un appartamentino di 50 metri quadrati, una cucinetta, una camera, una saletta e un bagnetto... e dove la mettono Gina?

(entra Zanotti)

ZANOTTI: (a voce alta, quasi recitando) Chi di spada ferisce, di spada perisce!

GUELFO: (indicando teatralmente Zanotti) Giacomo Leopardi!

ZANOTTI: State 'spettanno a Gina?

DIRETTRICE: Sì, dovrebbe arrivare fra poco, vado a vedere.

(esce la Direttrice)

ZANOTTI: O Gue', semo stati grandi... nemmeno la CIA avrìa organizzato un pianu cuscì perfettu.

GUELFO: Non è che quissi c'ha rpenzato e se la tène là casa?

ZANOTTI: Ma vanne... e do' la mette? Ha detto che anche 'llu salamottu de lu fiju deve dormi' su 'na brandina in saletta... che la mette là lu cessu dentro la vasca?

GUELFO: Quissi adè talmente 'rrabbiati de sòrdi che la metterìa pure loco.

ZANOTTI: C'ha provato, c'ha provato... un gorbu se c'ha provato... ma 'na vecchia è comme 'na frica, deve esse tutelata, e li servizi sociali ha detto che quella casa è massimo per tre persone...

(entra Nicole con passo elegante, Guelfo la segue con lo sguardo)

NICOLE: Sete visto per caso 'na spazzola?

GUELFO: Scì, te cercava, je so ditto che stavi de sopra e se ne jita.

(Nicole lo guarda con sufficienza ed esce dalla stanza)

ZANOTTI: O Gue', jemo de sopra che te faccio vede' li gol de lu derby.

GUELFO: Jemo, scì, jemo a vede' 'ssi gol... tu per sfotteme le pensi tutte...

(Guelfo e Zanotti escono)

(entrano la Direttrice e Gina)

DIRETTRICE: (facendo strada a Gina) Vieni Gina... sei contenta di ritornare con noi?

GINA: So' proprio contenta... non vedéo l'ora... lu libbrettu ce l'ha lei, vero dottoressa?

DIRETTRICE: Sì, me l'hai dato, ce l'ho chiuso a chiave nel mio studio, dopo lo vado a prendere... però je l'hai fatta grossa a tua figlia...

GINA: Cuscì je 'mpara... Volete la pensio' mia? Mo ve freco io... cuscì 'n'atra 'ota ce pensa prima de rportamme a casa... je l'avéo detto: IO VOJO STA QUA, me ce rmasti pochi anni e vojo passalli co' la jente che me vòle bene...

DIRETTRICE: Ma tua figlia ti vuole bene, e il gesto che farai ti fa onore, vuol dire che la ami anche tu. 

(la Direttrice abbraccia Gina) 

Adesso fammi andare che tua figlia e il marito sono rimasti in sala d'aspetto... li faccio entrare.

(entra Guelfo)

GUELFO: O Gi', je la sci fatta a rtorna'... almeno ciavemo lu quartu per joca' a scopa... sennò ce tocca a fa' joca' 'lle du' cornacchie... sta sempre a chiacchiera': ciù, ciù, ciù... quell'atra sta sempre a pettinasse e a pitturasse... ormai se li stucca 'lli capelli... che gorbu se pettinerà...

GINA: Ma do' sta lu geometra?

GUELFO: Stava de sopra co' Save', che te saccio che sta a fa'... jemo, jemo a cercalli...

(Guelfo e Gina escono dalla stanza)

(entrano la Direttrice, la figlia di Gina e il marito)

DIRETTRICE: Venite, prego, accomodatevi. Aspettate qui che vado a fare una telefonata, poi chiamiamo Gina. Con permesso...

(la Direttrice esce)

GENERO di GINA: Certo che màmmeta 'su scherzu non dovéa faccelu...

FIGLIA di GINA: (nervosamente) E statte zittu! Almeno statte zittu... adde' va a fini' che la colpa è de mamma... no la tua che fatighi un jornu scì e dieci no...

GENERO di GINA: Che c'entra, mica è colpa mia se la fabbrica ha ridotto lu personale...

FIGLIA di GINA: Mo te ce manno... quilli che cià voja de fatiga' l'ha tenuti tutti... li scanzafatighe no!

(entra Guelfo, osserva i due e si mette in poltrona a leggere il giornale)

FIGLIA di GINA: (avvicinandosi a Guelfo con fare circospetto) Scusi, le posso fa' una domanda?

GUELFO: Basta che non me la fa difficile... per le domande difficili ci sta lu geometra...

FIGLIA di GINA: Qui c'è un certo Giuseppe Palmieri?

GUELFO: (facendo finta di pensare) Giuseppe... Giuseppe...

FIGLIA di GINA: Palmieri.

GUELFO: No. Non me risulta.

FIGLIA di GINA: Ne è sicuro? A me risulta che qui c'è un signore che si chiama Giuseppe Palmieri... lei come si chiama?

GUELFO: Guelfo!... Me chiamo Guelfo.

(la donna lo guarda scrutandolo da capo a piedi e lui si sente osservato e fa delle mosse imbarazzate)

(entra la Direttrice)

DIRETTRICE: Allora, dove eravamo rimasti? Ah, sì, devo andare a prendere una cosa per voi...

FIGLIA di GINA: Per noi?

DIRETTRICE: Sì, per voi. Guelfo, mi puoi accompagnare?

GUELFO: (rivolgendosi alla figlia di Gina) Ha visto? - (imitando la Direttrice) «Guelfo, mi puoi accompagnare?»... Mica ha detto Giuseppe... Me chiamo Guelfo... qua Giuseppe ce vazzica solo quanno facemo lu presepiu...

(la Direttrice e Guelfo escono)

GENERO di GINA: A me me pare 'na gabbia de matti...

FIGLIA di GINA: Chissà che me dovrà da' la Direttrice...

GENERO di GINA: Sicuramente qualche foju...

FIGLIA di GINA: Stemo 'n po' a vede'... mamma chissà do'sarà jita?

GENERO di GINA: Me pare che 'ssi vecchi è diventati frichi, a va jocanno comme li frichi...

(entra la Direttrice)

DIRETTRICE: Allora, sua figlia Gina mi ha detto di darle questo.

FIGLIA di GINA: Che è?

DIRETTRICE: Un libretto postale.

FIGLIA di GINA: (con sorpresa) Un libretto postale?

DIRETTRICE: Lo apra.

(la Figlia di Gina apre il libretto, il marito si fionda anche lui a guardare)

FIGLIA di GINA: (impietrita) Che significa questo?

DIRETTRICE: Significa che sua madre ha versato tutti i soldi ricavati dalla vendita della casa in questo libretto, e lo ha intestato a lei.

FIGLIA di GINA: Mamma...

DIRETTRICE: Mi ha detto che con questi soldi potrete ricomprarvi una casa più grande e vivere tranquilli senza pagare l'affitto.

GENERO di GINA: (rivolgendosi alla moglie) Cuscì tu' madre potrìa rveni' a sta' co' nojatri...

FIGLIA di GINA: (con tono deciso) No! Mamma rmane qua. Tu le cose le sci sempre capite tardi...

(la Direttrice annuisce)

(Squilla il cellulare della Figlia di Gina)

FIGLIA di GINA: Scusate... Pronto? Scì, stemo qua a la casa de riposo, venne quando te pare... (chiude la telefonata e si rivolge al marito) Era fijutu... volea veni' a saluta' la nonna...

DIRETTRICE: Bene. Lo aspettiamo.

(entrano Palmina e Fiorina)

PALMINA: Buonasera.

FIORINA: Buonasera.

DIRETTRICE: Queste sono Fiorina e Palmina, due nostre ospiti.

PALMINA: (rivolgendosi alla Direttrice) Quando so' stata contenta che Gina è rvenuta... semo state de sopra a chiacchiera' fino adesso... ciavemo un saccu de cose da raccontacce...

FIORINA: C'ha raccontato tutta la storia, semo state du' ore a parla'...

FIGLIA di GINA: Che v'ha detto?

DIRETTRICE: (rivolgendosi alla Figlia di Gina) Un'altra volta, signora, adesso Fiorina e Palmina debbono andare in chiesa a cambiare l'acqua ai fiori... vero ragazze?

PALMINA: Se proprio ce dovémo ji, jemo.

FIORINA: Jemo va, qua ce trova sempre lo da fa'...

(Fiorina e Palmina escono dalla stanza)

(entrano il Geometra Zanotti e Gina)

ZANOTTI: (parlando con Gina) Venne Gi', stasera in televisio' fa lu Commissariu Montalbano... te piace sempre, no?

GINA: E comme no? (guardando verso la figlia e il genero) Anche se per un annu lu so seguito poco... sa', la luce costa e la televisio' consuma...

ZANOTTI: Non te preoccupa', te li faccio rvede' su lu compiuter.

GINA: Magari...

DIRETTRICE: (rivolgendosi alla Figlia di Gina) Ha visto? Questi sono come i ragazzi, ci vuole poco per riprendere il loro rapporto... poi sua madre e il geometra Zanotti sono andati sempre d'accordo...

GENERO di GINA: O Gi', sci visto mai... se te dovessi resposa' pòi sempre rvini' a casa...

(Gina fa un gesto di disaccordo verso il genero)

ZANOTTI: Qua a Gina je vòle bene tutti, non solo io... dijelo 'n po' Gi'...

GINA: Ma fallu parla' a quissu... quanno parla perde sempre 'n'occasio' per stasse zittu.

ZANOTTI: Va be', Gi', io te lascio co' tu' fija e tu' generu... magari c'avete tante cose da divve... (rivolgendosi alla figlia e al genero di Gina) Signori, buonasera, è stato un piacere...

(la figlia e il genero di Gina salutano il geometra Zanotti)

(esce Zanotti)

DIRETTRICE: Ha ragione il geometra, anch'io vi lascio soli, così potete parlare con calma... poi magari ci vediamo prima che andate via...

FIGLIA di GINA: Ah, dottoressa, dovrebbe veni' mi' fiju...

DIRETTRICE: Tranquilla, non si preoccupi, quando arriva lo farò venire qui da voi. Con permesso...

(esce la Direttrice)

FIGLIA di GINA: Ma'...

GINA: Che c'è?

FIGLIA di GINA: Perché me si lasciato li sòrdi?

GINA: Perché si mi fija, e io so' vecchia.

GENERO di GINA: Beh, potéi...

(la Figlia di Gina fa un gesto al marito perché smetta di parlare)

GINA: A me li sòrdi non me serve più, io ciajo bisogno solo de tranquillità e a casa non ce l'avéo...

FIGLIA di GINA: O ma', se so sbajato...

GINA: No, tu non si sbajato, tu si 'na pòra crista, e ancora più purittu è 'su sammucu che te scì sposato... 

(il Genero di Gina guarda in basso imbarazzato) 

Io e tu' padre ce semo sempre levato lo pa' da la bocca per non fatte manca' niente... te semo cresciuto, semo fatto li sacrifici, ce semo comprato l'appartamentu e pe' 'na vita semo pagato lu mutuu... Si l'unica fija che c'ho... a chi lu dovéo lascia' se non a te?... Però tu non pòi famme soffri' perché maritutu non fatiga e non 'rriete a fine mese... io ve daco tutto, ma la libertà no, quella non la so data mai a nisciu'... faceteme vive stu pocu tempu che me 'rmastu in pace, co' lu geometra che me racconta tante cose, co' 'llu mattu de Guelfo che me fa ride e me tira su de morale, co' 'lla pòra Nicoletta che me parla de lu fiju e po' se mette a piagne... co' Save' che adè l'omu più bonu del mondo... lasceteme vive co' loro... vojatri rcompreteve la casa e vivete sereni... li sòrdi pe' lu funerale li so' dati all'Istituto, ce pensa loro, vojatri non ve dovete preoccupa' nemmeno de la cassa da mortu... po', se me volete di' 'na preghiera...

FIGLIA di GINA: (asciugandosi le lacrime) Ma che dici, ma'...

(entra il Nipote di Gina)

NIPOTE di GINA: Nonna!

GINA: Coccu! Venne qua da nonna. 'Bbracceme!

(nonna e nipote si abbracciano)

NIPOTE di GINA: Comme stai no'?

GINA: (sorridendo al nipote) Comme 'na cojona... comme vòi che staco? Comme 'na vecchia...

FIGLIA di GINA: O ma', io...

GINA: No, non di' niente, adde' vanne a casa e doma' vedi de troa' un appartamentinu comudu per vojatri tre... 

(guardando il genero con aria severa) e me raccomanno, se qualcuno te dice de non comprallu perché li sòrdi ve fa comodo... dije che la fatiga nobilita l'omu... vanne, adde' jete...

(la figlia abbraccia la madre)

GENERO di GINA: Ciao Gi', e... grazie.

GINA: (rivolgendosi al genero) Tu è ora che diventi un omu, che smòvi le chiappe e te sporchi le ma'... un omu deve pensa' a la famija...

FIGLIA di GINA: (rivolgendosi al marito) Jemo, a fijutu lu spettémo de là... Ciao ma'. (abbraccia la madre)

NIPOTE di GINA: Parlo co' nonna du' minuti e po' vengo...

(escono dalla stanza la figlia e il genero di Gina)

GINA: Coccu de nonna...

NIPOTE di GINA: Lo sai no', me dispiaciuto tanto che te si vennùto la casa tua e de nonnu...

GINA: Addè ve la rcomprete, a tu' madre je so' dato tutti li sòrdi de la vendita de la casa...

NIPOTE di GINA: Non è la stessa cosa...

GINA: Nella vita non è mai la stessa cosa per niente... anche qua non è la stessa cosa de un annu fa... quanno se sbaja e se rtorna indietro, non è mai la stessa cosa... non bisognerìa mai sbaja', ma questo nella vita non è possibile, bellu de nonna...

NIPOTE di GINA: Tu devi capilli no', la crisi è nera e babbo non lavora...

GINA: Tu' padre non vòle lavora'... Comunque ormai semo risolto, sempre speranno che parutu non convince a tu' madre a tene' li sòrdi su lu librettu e spenneseli pochi per vòta...

NIPOTE di GINA: Sperémo de no... però loro te vòle bene...

GINA: Coccu de nonna, io non so studiato, so' 'gnorante, però ricordete sempre 'na cosa: l'amore fa sta bene, e se non fa sta bene se tratta de un sentimentu diversu... adde' vanne, coccu, sennò tu' padre e tu' madre chissà che pensa che ce stemo dicenno... vanne, vanne che te sta 'spettanno...

NIPOTE di GINA: (abbracciando la nonna) Ciao, no'...

GINA: Ciao. Me raccomanno, studia... io non so se me te ricorderò sistematu...

NIPOTE di GINA: Ma che dici, no', certo che me te ricorderai.

GINA: Vanne, che te sta 'spettanno.

NIPOTE di GINA: Ciao, no'.

GINA: Ciao.

(il nipote esce e si ferma sull'uscio della porta. Si gira verso la nonna)

NIPOTE di GINA: Te vojo bene, no'.

GINA: Anch'io.

(il nipote si gira per andarsene, quando la nonna improvvisamente lo chiama)

GINA: Marco!

NIPOTE di GINA: (girandosi verso la nonna) Dimme, no'.

GINA: Te voléo di'... te voléo di'... non te scorda' de nonna.

(il nipote manda un bacio alla nonna e poi esce)

SIPARIO